(Lc 10,25-37) Chi è il mio prossimo?

http://bricioledivangelo.blogspot.it/2015/10/lc-1025-37-chi-e-il-mio-prossimo.html

VANGELO DI LUNEDì 5 OTTOBRE 2015
(Lc 10,25-37) Chi è il mio prossimo?

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai».
Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levìta, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così».

Parola del Signore
(Lc 10,25-37)
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito, e illumina il mio cuore e la mia mente. Fa che la verità tutta intera, sia a me comprensibile come il Signore vuole. Non permettere che niente che non venga da Dio, trovi la via per entrare e creare confusione, te lo chiedo nel nome di Gesù, che ci ha promesso e garantito, che tutto quello che chiederemo nel suo nome ci sarà concesso.
Da sempre, c’è chi cerca di convincerci che siamo schiavi di tabù educativi che ci impediscono di sentirci liberi. Grandi filosofi, psicologi, ecc. tutti hanno la loro da dire, ed in parte è vero che i tabù e l’educazione o gli avvenimenti, ci guidano l’esistenza; quello che stride però, è che vogliono farci abbandonare con queste teorie, il fatto che siamo figli di Dio e che siamo stati creati da Dio, fratelli di Cristo che è Dio che era, che è e che sempre sarà.
Non sono discorsi semplici, ed occorre una buna dose di fede per arrivare ad affidarsi completamente a Dio, ma quello che chiederemo nel nome di Gesù Cristo e con cuore puro, ci sarà accordato, quindi possiamo utilizzare la preghiera di colletta per ripetere: O Dio, che mostri agli erranti la luce della tua verità, perché possano tornare sulla retta via, concedi a tutti coloro che si professano cristiani di respingere ciò che è contrario a questo nome e di seguire ciò che gli è conforme. Per il nostro Signore Gesù Cristo…
Quello che poi leggeremo nel vangelo di oggi è consequenziale, perché riuscendo a crescere come figli di Dio, cercheremo di fare quello che Dio ci ha tramandato con la sua legge, che abbiamo capito che non è solo scritta sulle tavole della legge, e sui libri, ma nel nostro cuore.
Gesù è venuto sulla terra per la nostra salvezza, ma tutto era già scritto, come dice Paolo:- Tutte le cose sono state create per mezzo di Lui e in vista di Lui.- È venuto perché si adempissero le scritture, ed ha riassunto tutta la legge del padre che gli uomini si passavano da generazioni, eliminando tutte le leggine aggiunte dagli uomini e racchiudendo tutto in due comandamenti: “ Ama il Signore Dio tuo ed ama il prossimo tuo.”
La legge di Dio è amore, è questo quello che Dio ti chiede. Ama il prossimo tuo e in questo modo amerai il tuo Dio.
I cardinali si riuniscono in sinodi per trovare la via da seguire in questo mondo che sempre più ha bisogno di Dio. Preghiamo perchè non ci si irrigidisca in concetti e preconcetti che tagliano fuori dalla Chiesa, che Gesù Cristo ha fondato, l’amore di Dio per l’ umanità intera, che ha bisogno di essere ricondotta sulla via che porta al Padre, per imparare a seguire le leggi dell’Amore senza limiti e non per limitare l’amore ai nostri bisogni.
Io sto pregando molto per questo sinodo e per tutti i pericoli e le insidie che porta nel cuore della Chiesa; è inutile nascondersi dietro ad un dito, molti sono quelli che cercano di dar più importanza ai loro ragionamenti che all’amore per il prossimo sofferente.
Stamattina nella preghiera, ho chiesto aiuto al Signore perchè mi desse una parola che mi guidasse sempre, perchè non ho la presunzione di capire , nè di saper più di altri, ma confidando nella parola di Dio, come guida dello Spirito Santo ho letto :
Dalla prima lettera di san Pietro apostolo 2, 4-9
Carissimi, stringetevi a Cristo, pietra viva, rigettata dagli uomini, ma scelta e preziosa davanti a Dio, anche voi venite impiegati come pietre vive per la costruzione di un edificio spirituale, per un sacerdozio santo, per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio, per mezzo di Gesù Cristo. Si legge infatti nella Scrittura: “Ecco io pongo in Sion una pietra angolare, scelta, preziosa e chi crede in essa non resterà confuso”. Onore dunque a voi che credete; ma per gli increduli ” la pietra che i costruttori hanno scartato è divenuta la pietra angolare, sasso d’inciampo e pietra di scandalo”.
Loro v’inciampano perché non credono alla parola; a questo sono stati destinati. Ma voi siete ” la stirpe eletta, il sacerdozio regale, la nazione santa, il popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere meravigliose ” di lui che vi ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce.
Spero quindi che chi crede in Cristo, non resterà confuso, ma vi prego, preghiamo per questo popolo a cui apparteniamo, perchè non facciamo come gli operai che uccisero il padrone della vigna per tenersela per se… perchè perderemmo tutto, anche la salvezza.
—————————————-
AVVISO
Accedendo al blog e registrandosi alla newsletter riceverete ogni giorno una e-mail con il vangelo ed il commento e le varie cose pubblicate nel blog stesso

http://bricioledivangelo.blogspot.it/

OPPURE
https://manuroma86.wordpress.com/

per leggere e inserire post e commenti e le versioni in francese -inglese e spagnolo : http://www.facebook.com/group.php?gid=136929857240

http://www.facebook.com/pages/COME-SI-ENTRA-IN-PARADISOVANGELO-E-RIFLESSIONE-DEL-GIORNO/206580436049815?ref=ts

Annunci

(Mc 10,2-16) L’uomo non divida quello che Dio ha congiunto

http://bricioledivangelo.blogspot.it/2015/10/mc-102-16-luomo-non-divida-quello-che.html

VANGELO 
(Mc 10,2-16) L’uomo non divida quello che Dio ha congiunto.
+ Dal Vangelo secondo Marco
In quel tempo, alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, domandavano a Gesù se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla».
Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall’inizio della creazione [Dio] li fece maschio e femmina; per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio».
Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.
Parola del Signore.
 
 
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Spirito Santo e manda a noi dal cielo,un raggio della tua luce… basterà un piccolo raggio per aprire la mia mente annebbiata dalla mia umanità e tu dammi quel piccolo raggio e tutto intorno sparirà e sarò solo tua mio Signore, con la mente e con il cuore.
E’ lecito Gesù? Quante volte noi chiediamo a Dio se è lecito ai suoi occhi quello che facciamo? Ben poche vero? Siamo noi a decidere quello che è giusto, quello che ci conviene e poi troviamo una giustificazione per cui tutto diventi lecito anche agli occhi di Dio.
Dimentichiamo troppo spesso che stringiamo dei patti, facciamo delle promesse e addirittura che consacriamo questi patti.
Oggi tutto si fa con troppa leggerezza, sicuramente colpa delle generazioni precedenti, sicuramente della mia generazione.
Ma sì, se una cosa non funziona più invece di ripararla, buttiamola alle ortiche, con tutto quello che comporta, così saremo liberi di farci una nuova famiglia, avere altri figli e ricominciare da capo…. sperando che sia la volta buona, o solo fino alla prossima.
Il matrimonio celebrato in Chiesa non è solo un patto tra due coniugi, ma anche un patto davanti a Dio, e anche se Mosè permise al suo popolo di ripudiare la moglie, lo fece perché il suo popolo era duro di cuore, come quello d’ oggi.
Può succedere di sbagliare, di confondere i sentimenti e confondere una passione,
un’ infatuazione, con l’ amore, tanto da arrivare al matrimonio e magari anche a fare dei figli; poi come da un sogno, ci si risveglia e ci si ritrova davanti ad una scelta che non ci appartiene più.
Io non condivido oggi, che rispondo al nome di Cristiana, il cosiddetto divorzio, e tantomeno l’annullamento del Matrimonio, neanche da parte della Chiesa. Posso accettare
l’ allontanamento per gravi motivi come il pericolo di vita per un coniuge o per i figli, ma il matrimonio resta sacro e quindi per me solo Dio può mettere fine ad un’unione tra due persone. Ma io posso parlare solo per me e decidere solo per me, non certo mi posso ergere a giudice per gli altri, certo è che niente funziona più se non c’è una forte volontà di farlo funzionare, anzi tutti si danno da fare per consigliare la separazione, l’ aborto e prestano a satana la loro voce che s’ innalza sopra a tutto con fare prepotente e tende a soffocare la voce del cuore.
Oggi, si sopravvive a tante decisioni errate, ci si adatta agli egoismi sia nostri che altrui, la felicità dei figli non si valuta sulle sicurezze morali, ma su quelle materiali, e quindi se nei figli crescerà la consapevolezza che niente è per sempre, non è un grande danno….
Per la durezza del nostro cuore Mosè, la Chiesa, la legge aprono certe porte, ma da quelle porte esce anche l’ amore e ci allontaniamo da Dio che è la fonte dell’amore. Chiedo scusa se ho ferito qualcuno, so che questo è un bruttissimo discorso e fa male a molti, ma io non intendo giudicare nessuno, sia ben chiaro, anche io, l’ ho detto all’inizio, sono colpevole di tanta indifferenza verso l’ indissolubiltà del matrimonio; potessi tornare indietro però, non so se voterei no per il divorzio, perchè so che non cambierebbe molto, oggi l’uomo fa le leggi per violarle, non per rispettarle, e nel pieno consenso generale.
———————————–
Accedendo al blog e registrandosi alla newsletter riceverete ogni giorno una e-mail con il vangelo ed il commento e le varie cose pubblicate nel blog stesso
OPPURE
per leggere e inserire post e commenti e le versioni in francese -inglese e spagnolo : http://www.facebook.com/group.php?gid=136929857240

(Lc 10,17-24) Rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli.

http://bricioledivangelo.blogspot.it/2015/10/lc-1017-24-rallegratevi-perche-i-vostri.html

(Lc 10,17-24) Rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli.

 VANGELO DI SABATO 3 OTTOBRE 2015
(Lc 10,17-24)
Rallegratevi perché i vostri nomi sono scritti nei cieli.
+ Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo, i settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». 
Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».
In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».
Parola del Signore.


LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA.

Vieni o spirito di sapienza a colmare con la tua voce il vuoto che faccio dentro di me, per Cristo, nostro Signore. Amen.
Questa si che è preghiera ragazzi!!!!!
Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra……
Gesù non si stanca mai di ringraziare il Padre, di lodare le meraviglie del creato.In questo brano , conferma ai suoi che per quanto terribile fosse l’ ira di satana verso di loro, nulla egli poteva fare per danneggiarli, perché a loro era stato dato il potere di sottometterli da Dio . Per questo anche la lode di Gesù è rivolta al Padre, che ha scelto delle persone semplici, che sanno fidarsi ed affidarsi a Lui, molto più di dotti e sapienti che invece cercavano attraverso la loro cultura, delle risposte logiche per credere in Lui , risposte anche ai miracoli che operava e che venivano operati nel suo nome. Gli scettici erano, allora come oggi, ciechi anche davanti all’evidenza. Preghiamo per loro e perchè il Signore liberi la nostra fede dalle mille paure che ci impediscono di viverla ed esprimerla pienamente.
————————————————–

Accedendo al blog e registrandosi alla newsletter riceverete ogni giorno una e-mail con il vangelo ed il commento e le varie cose pubblicate nel blog stesso
http://bricioledivangelo.blogspot.it/
OPPURE
https://manuroma86.wordpress.com/
per leggere e inserire post e commenti e le versioni in francese -inglese e spagnolo :http://www.facebook.com/group.php?gid=136929857240
http://www.facebook.com/pages/COME-SI-ENTRA-IN-PARADISOVANGELO-E-RIFLESSIONE-DEL-GIORNO/206580436049815?ref=ts

(Mt 18,1-5.10) I loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli.

http://bricioledivangelo.blogspot.it/2015/10/mt-181-510-i-loro-angeli-nei-cieli.html

VANGELO DI VENERDì 2 OTTOBRE 2015
(Mt 18,1-5.10)
I loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: «Chi dunque è più grande nel regno dei cieli?».
Allora chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: «In verità io vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli.
Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui è il più grande nel regno dei cieli. E chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me.
Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli, perché io vi dico che i loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli».
Parola del Signore.
(Mt 18,1-5.10) I loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli.
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA.
Vieni o Santo Spirito e guida il mio cuore dove nulla è confuso, portami al mio Gesù, perché sia Lui la luce che illumina la mia vita.
Oggi vorrei trovare le parole più giuste del mondo, ma non ci sono molti modi per dirlo:
-Non dobbiamo dare scandalo, ma essere d’esempio!-
Questo purtroppo non accade ormai più, tutto quello che facciamo è scandaloso!
Non siamo più capaci neanche di distinguere il bene dal male, camuffandolo con il sinonimo di “ legale” dopo aver reso tutto il male possibile legale.
Parliamo di diritti e di doveri, ma i diritti sono di quelli che urlano più forte, qualunque cosa dicano.
I diritti dei bambini vengono soffocati, i bambini messi a tacere, il loro diritto alla vita negato, la loro infanzia usata come se fossero nostra proprietà.
Sadici, pedofili, genitori possessivi, violenti; insegnanti che abusano della propria autorità… tutti vogliono imprimere il loro sigillo su chi è più debole, su chi non può difendersi.
Ci scandalizziamo parlando di Hitler che voleva la perfetta razza ariana, ma siamo pronti a pensare,magari in segreto, che i bambini che non sono perfetti, è meglio che non nascano, che chi non è autonomo è meglio che venga soppresso…siamo scandalosi!
I bambini non imparano certo da noi l’innocenza!
Parliamo spesso di comunità, ma perché una comunità funzioni, cresca e produca frutti, deve essere formata da persone che si amano e si aiutano a vicenda, non che si distruggono cercando di prevalere gli uni sugli altri.
Questo accade ormai inconsapevolmente, come una semplice…. cattiva abitudine, ancor più grave, quando avviene nelle nostre parrocchie, dove la voglia di far bene, il troppo zelo, prevalgono a scapito della vera carità cristiana!
—————————————————–
AVVISO
PER LEGGERE TUTTO CLICCARE SULLA FOTO E SCORRERE A LATO
——————————————————————
Accedendo al blog e registrandosi alla newsletter riceverete ogni giorno una e-mail con il vangelo ed il commento e le varie cose pubblicate nel blog stesso
http://bricioledivangelo.blogspot.it/
OPPURE
https://manuroma86.wordpress.com/
per leggere e inserire post e commenti e le versioni in francese -inglese e spagnolo :http://www.facebook.com/group.php?gid=136929857240
http://www.facebook.com/pages/COME-SI-ENTRA-IN-PARADISOVANGELO-E-RIFLESSIONE-DEL-GIORNO/206580436049815?ref=ts

(Lc 10,1-12) La vostra pace scenderà su di lui.

http://bricioledivangelo.blogspot.it/2015/09/lc-101-12-la-vostra-pace-scendera-su-di.html

VANGELO DI GIOVEDì 1 OTTOBRE 2015
(Lc 10,1-12) La vostra pace scenderà su di lui.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città».

Parola del Signore.

(Lc 10,1-12)
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Ti prego Signore di illuminarmi la mente ed il cuore,di entrare nella mia pelle ed innalzare a te il mio spirito per comprenderti, fa che possa viverti come tu vuoi che io ti viva, senza paure e senza reticenze.

Il progetto di Gesù, non si ferma mai; dopo aver scelto i dodici discepoli, ne sceglie ancora e li manda a due a due… li manda come agnelli in mezzo ai lupi…
Queste due affermazioni fanno pensare, perché insieme? Per difendersi o per lottare?
Io penso ad una cosa più semplice, forse per supportarsi l’ un l’ altro nelle lotte della vita.
Un cristiano da solo che cristiano è? Anche gli eremiti, che contemplano il Signore e vivono in preghiera pregano per altri cristiani, per altri fratelli che vivendo nel mondo, possono essere portati a sbagliare strada.
Penso alla croce, alle sue braccia allargate ad abbracciare il mondo, perché Gesù ha abbracciato il mondo dalla croce ed ogni cristiano è chiamato a fare altrettanto, anche se questo mondo è lo stesso che ci mette in croce, che ci deride, che ci offende e ci prende per pazzi, ma proprio a quei fratelli che ci attaccano, dobbiamo allargare le braccia e ricordare che Gesù è morto anche per loro.
Non tutti accoglieranno la parola del Vangelo, ma non dovremo arrenderci, dovremo cercare di entrare là dove magari a Gesù hanno sbattuto la porta in faccia, là dove ci sono delle persone che provano ostilità per Dio, ed annunciare proprio a loro che si può vivere il vangelo anche nei giorni nostri, e per farlo dovremo essere esempio di ciò con la nostra vita, per non essere accusati anche d’ incoerenza.
Tornando alla croce vediamo l’ asse centrale che affonda nella terra e si innalza verso il cielo. Io penso che per salire al cielo, per innalzare il nostro spirito, dobbiamo rimanere ben piantati per terra, vivere la nostra essenza fatta di polvere che solo l’ amore di Dio ha saputo plasmare e rendere vitale.
Il nostro io e il nostro Dio uniti sullo stesso ceppo della croce, in comunione vera, l’ uno parte dell’ altro, basta questo per essere discepoli di Gesù, vivere in comunione con lui l’ amore per tutti gli uomini, perché figli dello stesso Dio e cercare di far comprendere che questo è
l’ amore di Dio; non serve molto per amare, né soldi né averi né belle cose per abbagliare, ma solo un cuore limpido per amare.
———————————————————–
AVVISO

Accedendo al blog e registrandosi alla newsletter riceverete ogni giorno una e-mail con il vangelo ed il commento e le varie cose pubblicate nel blog stesso

http://bricioledivangelo.blogspot.it/

OPPURE
https://manuroma86.wordpress.com/

per leggere e inserire post e commenti e le versioni in francese -inglese e spagnolo : http://www.facebook.com/group.php?gid=136929857240

http://www.facebook.com/pages/COME-SI-ENTRA-IN-PARADISOVANGELO-E-RIFLESSIONE-DEL-GIORNO/206580436049815?ref=ts

La vera vita del corpo di Maria Maddalena

Le Catechesi di Don Vincenzo Carone

Vi parlerò del corpo di Gesù e del corpo di Maria Maddalena. Prendo spunto dal Vangelo: Gesù si lascia vedere e toccare il suo corpo nelle piaghe, nelle mani, nel costato, e poi dà la prova di avere il corpo perché mangia insieme con gli Apostoli. Mi piace invece fermarmi sul corpo di Maria Maddalena e il corpo di Gesù. Il corpo di Maria Maddalena aveva sette demoni, ed era una prostituta, per cui il suo corpo l’aveva venduto al peccato, e il numero sette dei demoni è un numero simbolico per dire che era proprio una indemoniata. Il demonio che possedeva Maria Maddalena era il demonio impuro, perché era una prostituta; quindi lei svendeva il suo corpo al peccato, ai peccatori. Ecco, Maria Maddalena affida il suo corpo al demonio impuro e quindi ai peccatori, agli impuri. Ella ha cercato il corpo vivo di un uomo, e talmente ha…

View original post 1.329 altre parole